Selected Articles

The articles shown in this section are 83
Submitted by: Chiara Bencivenga in category: in deep on: 16/08/2012 - 11:38 from Italy
This article is written in Italian

Il cinema che rivela la sua storia. Nel suo momento più grande. Quando grandi scoperte e innovazioni trasformano per sempre la sorte della settima arte e dei suoi divi. Il passaggio al sonoro farà emergere nuove promesse del cinema, ma porterà alla rovina molti dei grandi attori del muto. La voce, nonostante la fredda accoglienza, irromperà nelle sale di proiezione, suscitando indubbiamente scalpore, ma soprattutto quel senso di magia che il cinema ha sempre...

read more >>>
Submitted by: Jean-Baptiste De Vaulx in category: in deep on: 13/08/2012 - 18:17 from United Kingdom
This article is written in English

Introduction

In the 1960s, an alliance between director Teshigahara Hiroshi, writer Abe Kobo and composer Takemitsu Toru produced four films: Pitfall (Otoshiana,1962); Woman in the Dunes (Suna no onna, 1964); The Face of Another (Tanin no kao, 1966); The Man Without a Map (aka The Ruined Map, Moetsukita chizu, 1968). These generally tend to be categorised as...

read more >>>
Submitted by: Cristina Coccia in category: cult on: 13/08/2012 - 17:58 from Italy
This article is written in Italian

Il cinema non è per un'élite, ma per le masse. Parlare ad un'élite di intellettuali è come non parlare a nessuno. Non credo si possa fare una rivoluzione col cinema. Io credo in un processo dialettico che debba cominciare tra le grandi masse, attraverso i film e ogni altro mezzo possibile. (1)

Le parole più famose di Elio Petri palesano il suo punto debole, quella premessa...

read more >>>
Submitted by: Adriano Bordoni in category: in deep on: 13/08/2012 - 11:30 from Italy
This article is written in Italian

Forse una delle nostre colpe peggiori, per quanto riguarda la fruizione più o meno approfondita di un determinato testo narrativo, è l'abitudine a relazionarci con i suoi elementi diegetici in considerazione di determinati (istintivi o imposti che siano) criteri logici, basati principalmente sul concetto di Causa ed Effetto. Ci siamo abituati a un modello narrativo che garantisce (il più delle volte) una corretta e accompagnata interpretazione del testo...

read more >>>
Submitted by: Gianluca Pulsoni in category: review on: 05/08/2012 - 12:38 from Italy
This article is written in Italian

Persistencies of Sadness & Still Days è uno degli ultimi e interessanti film, in ordine di tempo, che viene da uno degli scenari più vitali di produzione e ricerca cinematografica recente europea, l’Irlanda. In questo caso, più specificamente, dalle attività condotte dai due autori dell’opera, l’iraniano Rouzbeh Rashidi e l’irlandese Maximilian LeCain: filmaker...

read more >>>
Submitted by: Simona Camilli in category: review on: 04/08/2012 - 21:43 from Italy
This article is written in Italian

These little town blues are melting away, I'll make a brand new start of it, in old New York. If I can make it there, I'll make it anywhere. It's up to you, New York, New York...

Sissy (Carey Mulligan) canta, quasi confida le sue speranze, i sogni infranti, la voglia di ricominciare e tentare di raggiungere la felicità in una delle scene più toccanti ed emozionanti del film, realizzata con intensi lunghi...

read more >>>
Submitted by: Gianluca Pulsoni in category: cult on: 04/08/2012 - 16:38 from Italy
This article is written in Italian

Nel cinema contemporaneo italiano, fra i film migliori, e allo stesso tempo più dimenticati, c’è sicuramente Giro di lune tra terra e mare di Giuseppe M. Gaudino. Una pellicola da recuperare, sia per la sperimentazione di linguaggio dell’opera, sia per la rappresentazione anti-convenzionale di molti temi. A questo proposito, il film si offre come esempio italiano di una sorta di linea segreta di sperimentazione audiovisiva contemporanea sul...

read more >>>
Submitted by: Annarita Mazzucca in category: in deep on: 25/07/2012 - 21:14 from Italy
This article is written in Italian

Nei nostri anni di interesse diffuso per l'estremo e il deviante, anche i mostri sono diventati un tema di moda, anche se la loro origine si perde nella notte dei tempi, considerando che se ne rinvengono tracce e testimonianze persino nella Bibbia e nell'Odissea. Il rigoroso ordine architettonico che struttura il mondo medioevale lo concepisce come altro da sé, ciò che non è rationabilis e lo aliena totalmente. La mostruosità è...

read more >>>
Submitted by: Marianna Alù in category: cult on: 14/07/2012 - 14:27 from Italy
This article is written in Italian

“Perché nessuno ha mai provato a diventare un supereroe?”. Questa è la domanda che Dave Lizewkski, adolescente di New York in piena tempesta ormonale, si pone prima di decidere di comprare una tuta da sub su internet e crearsi un alter ego col nome di Kick-Ass. La risposta non tarda ad arrivare: durante il suo primo tentativo di fermare due criminali si becca una coltellata allo stomaco e poi viene investito da un pirata della strada; ecco cosa impara...

read more >>>
Submitted by: Zorka Varga in category: in deep on: 14/07/2012 - 13:56 from City: Budapest Country: Hungary
This article is written in English

One of the Italian neo-realism’s most competent theoreticians, Andre Bazin wrote in 1952 that Italian motion pictures cannot be separated from the context of their age, therefore they can be considered as historical documents (1). His declaration is so substantial, that if we try to typify neorealism, it is befitting to consider connectedness to history among the direction’s main characteristics. The art of filmmaking frequently responds to the...

read more >>>